Ricerca


banner_lungo_magitratura_esame_avvocato_2012.jpg
mod_vvisit_counterOggi2768
mod_vvisit_counterDal 12/06/096443992

domiciliazioniprevprof.jpg
magistratura_esame_avvocato_2012_2013.jpg























La decisione all’esito del dibattimento

Argomenti correlati

la fase predibattimentale

dall'apertura alla chiusura del dibattimento


la fase decisoria

 

La fase decisionale del giudice a seguito di dibattimento e le diverse pronunce i capi sulla responsabilità civile e le spese

 

ARTICOLO  525

Immediatezza della deliberazione.

1. La sentenza è deliberata subito dopo la chiusura del dibattimento [524].

2. Alla deliberazione concorrono, a pena di nullità assoluta [179], gli stessi giudici che hanno partecipato al dibattimento. Se alla deliberazione devono concorrere i giudici supplenti in sostituzione dei titolari impediti, i provvedimenti già emessi conservano efficacia se non sono espressamente revocati.

3. Salvo quanto previsto dall'articolo 528, la deliberazione non può essere sospesa se non in caso di assoluta impossibilità [615]. La sospensione è disposta dal presidente con ordinanza.

ARTICOLO  526

Prove utilizzabili ai fini della deliberazione.

1. Il giudice non può utilizzare ai fini della deliberazione prove diverse da quelle legittimamente acquisite nel dibattimento [496-515].

1-bis. La colpevolezza dell'imputato non può essere provata sulla base di dichiarazioni rese da chi, per libera scelta, si è sempre volontariamente sottratto all'esame da parte dell'imputato o del suo difensore (1).

(1) Comma aggiunto dall'art. 19 l. 1° marzo 2001, n. 63. V. l'art. 26 4 l. n. 63, cit.

ARTICOLO  527

Deliberazione collegiale.

1. Il collegio, sotto la direzione del presidente, decide separatamente le questioni preliminari [491] non ancora risolte e ogni altra questione relativa al processo. Qualora l'esame del merito non risulti precluso dall'esito della votazione, sono poste in decisione le questioni di fatto e di diritto concernenti l'imputazione e, se occorre, quelle relative all'applicazione delle pene [17-38, 132-139 c.p.] e delle misure di sicurezza [199-240 c.p.] nonché quelle relative alla responsabilità civile [74-89].

2. Tutti i giudici enunciano le ragioni della loro opinione e votano su ciascuna questione qualunque sia stato il voto espresso sulle altre. Il presidente raccoglie i voti cominciando dal giudice con minore anzianità di servizio e vota per ultimo. Nei giudizi davanti alla corte di assise votano per primi i giudici popolari, cominciando dal meno anziano per età.

3. Se nella votazione sull'entità della pena o della misura di sicurezza si manifestano più di due opinioni, i voti espressi per la pena o la misura di maggiore gravità si riuniscono a quelli per la pena o la misura gradatamente inferiore, fino a che venga a risultare la maggioranza. In ogni altro caso, qualora vi sia parità di voti, prevale la soluzione più favorevole all'imputato.

ARTICOLO  528

Lettura del verbale in camera di consiglio.

1. Qualora sia necessaria la lettura del verbale di udienza [480-483, 510] redatto con la stenotipia [134, 138, 4832] ovvero l'ascolto o la visione di riproduzioni fonografiche o audiovisive di atti del dibattimento [134, 139], il giudice sospende la deliberazione e procede in camera di consiglio alle operazioni necessarie, con l'assistenza dell'ausiliario [126] ed eventualmente del tecnico incaricato della documentazione [135, 139].

le - D.P.R.  -  22/09/1988 , n. 447  -  Gazzetta  24/10/1988 , n.250

ARTICOLO  529

Sentenza di non doversi procedere.

1. Se l'azione penale non doveva essere iniziata o non deve essere proseguita [336 s., 649], il giudice pronuncia sentenza di non doversi procedere indicandone la causa nel dispositivo [345; 254 trans.].

2. Il giudice provvede nello stesso modo quando la prova dell'esistenza di una condizione di procedibilità è insufficiente o contraddittoria (1).

(1) Per i reati di competenza del giudice di pace, v. l'art. 34 d.lgs.. 28 agosto 2000, n. 274.

ARTICOLO  530

Sentenza di assoluzione.

1. Se il fatto non sussiste, se l'imputato non lo ha commesso, se il fatto non costituisce reato o non è previsto dalla legge come reato ovvero se il reato è stato commesso da persona non imputabile [85 s. c.p.] o non punibile per un'altra ragione, il giudice pronuncia sentenza di assoluzione indicandone la causa nel dispositivo [254 trans.].

2. Il giudice pronuncia sentenza di assoluzione anche quando manca, è insufficiente o è contraddittoria la prova che il fatto sussiste, che l'imputato lo ha commesso, che il fatto costituisce reato o che il reato è stato commesso da persona imputabile.

3. Se vi è la prova che il fatto è stato commesso in presenza di una causa di giustificazione [50-54 c.p.] o di una causa personale di non punibilità ovvero vi è dubbio sull'esistenza delle stesse, il giudice pronuncia sentenza di assoluzione a norma del comma 1.

4. Con la sentenza di assoluzione il giudice applica, nei casi previsti dalla legge, le misure di sicurezza [222 c.p.; 300 2, 579].

ARTICOLO  531

Dichiarazione di estinzione del reato.

1. Salvo quanto disposto dall'articolo 129 comma 2, il giudice, se il reato è estinto [150 s. c.p.], pronuncia sentenza di non doversi procedere enunciandone la causa nel dispositivo [254 trans.].

2. Il giudice provvede nello stesso modo quando vi è dubbio sull'esistenza di una causa di estinzione del reato (1).

(1) Per i reati di competenza del giudice di pace, v. l'art. 35 d.lgs.. 28 agosto 2000, n. 274.

 

ARTICOLO  532

Provvedimenti sulle misure cautelari personali.

1. Con la sentenza di proscioglimento, il giudice ordina la liberazione dell'imputato in stato di custodia cautelare [284-286] e dichiara la cessazione delle altre misure cautelari personali [280-283, 287-290, 312, 313, 530 4] eventualmente disposte [3001, 306].

2. La stessa disposizione si applica nel caso di sentenza di condanna che concede la sospensione condizionale della pena [300 3; 163 c.p.].

ARTICOLO  533

Condanna dell'imputato.

1. Il giudice pronuncia sentenza di condanna se l'imputato risulta colpevole del reato contestatogli [521] al di là di ogni ragionevole dubbio. Con la sentenza il giudice applica la pena [17-38, 132-139 c.p.] e le eventuali misure di sicurezza [199-240 c.p.] (1).

2. Se la condanna riguarda più reati, il giudice stabilisce la pena per ciascuno di essi e quindi determina la pena che deve essere applicata in osservanza delle norme sul concorso di reati e di pene [72 s. c.p.] o sulla continuazione [812 c.p.]. Nei casi previsti dalla legge il giudice dichiara il condannato delinquente o contravventore abituale [102-104 c.p.] o professionale [105 c.p.] o per tendenza [108 c.p.].

3. Quando il giudice ritiene di dover concedere la sospensione condizionale della pena [163 c.p.] o la non menzione della condanna nel certificato del casellario giudiziale [175 c.p.], provvede in tal senso con la sentenza di condanna (2).

3-bis. Quando la condanna riguarda procedimenti per i delitti di cui all'articolo 407, comma 2, lettera a), anche se connessi ad altri reati, il giudice può disporre, nel pronunciare la sentenza, la separazione dei procedimenti anche con riferimento allo stesso condannato quando taluno dei condannati si trovi in stato di custodia cautelare e, per la scadenza dei termini e la mancanza di altri titoli, sarebbe rimesso in libertà (3).

(1) Comma così sostituito dall'art. 5 l. 20 febbraio 2006, n. 46. Il testo del comma era il seguente: «1. Se l'imputato risulta colpevole del reato contestatogli, il giudice pronuncia sentenza di condanna applicando la pena e l'eventuale misura di sicurezza». V. art. 16 d.lgs.. 25 luglio 1998, n. 286.

(2) Per i reati di competenza del giudice di pace, v. l'art. 33 d.lgs.. 28 agosto 2000, n. 274.

(3) Comma aggiunto, in sede di conversione, dall'art. 41d.l. 24 novembre 2000, n. 341, conv., con modif., in l. 19 gennaio 2001, n. 4.

ARTICOLO  534

Condanna del civilmente obbligato per la pena pecuniaria.

1. Nei casi previsti dagli articoli 196 e 197 del codice penale e nelle leggi speciali, il giudice condanna la persona, civilmente obbligata [89] a pagare, se il condannato risulterà insolvibile, una somma pari alla pena pecuniaria a questo inflitta [4602, 5752].

 

ARTICOLO  535

Condanna alle spese. (1)

1. La sentenza di condanna pone a carico del condannato il pagamento delle spese processuali (2).

[2.] (3)

3. Sono poste a carico del condannato le spese di mantenimento durante la custodia cautelare, a norma dell'articolo 692 [28, 29 att. min.].

4. Qualora il giudice non abbia provveduto circa le spese, la sentenza è rettificata a norma dell'articolo 130.

(1) V. artt. 204 ss. d.P.R. 30 maggio 2002, n. 115.

(2) Comma così modificato dall'art. 67, comma 2, lett. a), della l. 18 giugno 2009, n. 69, che ha soppresso le parole: "relative ai reati cui la condanna si riferisce".

(3) Comma abrogato dall'art. 67, comma 2, lett. b), della l. 18 giugno 2009, n. 69. Il testo precedente recitava: "I condannati per lo stesso reato o per reati connessi sono obbligati in solido al pagamento delle spese. I condannati in uno stesso giudizio per reati non connessi sono obbligati in solido alle sole spese comuni relative ai reati per i quali è stata pronunciata condanna."

ARTICOLO  536

Pubblicazione della sentenza come effetto della condanna.

1. Nei casi previsti dall'articolo 36 del codice penale, il giudice stabilisce nel dispositivo se la sentenza deve essere pubblicata [543, 642, 694] per intero o per estratto e designa il giornale o i giornali in cui deve essere inserita.

ARTICOLO  537

Pronuncia sulla falsità di documenti.

1. La falsità di un atto o di un documento, accertata con sentenza di condanna [533], è dichiarata nel dispositivo [241, 675].

2. Con lo stesso dispositivo è ordinata la cancellazione totale o parziale, secondo le circostanze e, se è il caso, la ripristinazione, la rinnovazione o la riforma dell'atto o del documento, con la prescrizione del modo con cui deve essere eseguita [6752]. La cancellazione, la ripristinazione, la rinnovazione o la riforma non è ordinata quando possono essere pregiudicati interessi di terzi non intervenuti come parti nel procedimento.

3. La pronuncia sulla falsità è impugnabile, anche autonomamente, con il mezzo previsto dalla legge [568] per il capo che contiene la decisione sull'imputazione.

4. Le disposizioni del presente articolo si applicano anche nel caso di sentenza di proscioglimento [425].

ARTICOLO  538

Condanna per la responsabilità civile.

1. Quando pronuncia sentenza di condanna [533], il giudice decide sulla domanda per le restituzioni e il risarcimento del danno [576], proposta a norma degli articoli 74 e seguenti.

2. Se pronuncia condanna dell'imputato al risarcimento del danno, il giudice provvede altresì alla liquidazione [539], salvo che sia prevista la competenza di altro giudice [574].

3. Se il responsabile civile è stato citato [83] o è intervenuto [85] nel giudizio, la condanna alle restituzioni e al risarcimento del danno è pronunciata anche contro di lui in solido [575], quando è riconosciuta la sua responsabilità.

ARTICOLO  539

Condanna generica ai danni e provvisionale.

1. Il giudice, se le prove acquisite non consentono la liquidazione del danno, pronuncia condanna generica e rimette le parti davanti al giudice civile.

2. A richiesta della parte civile, l'imputato e il responsabile civile sono condannati al pagamento di una provvisionale nei limiti del danno per cui si ritiene già raggiunta la prova [574, 575].

ARTICOLO  540

Provvisoria esecuzione delle disposizioni civili.

1. La condanna alle restituzioni e al risarcimento del danno [538, 600] è dichiarata provvisoriamente esecutiva [5881], a richiesta della parte civile, quando ricorrono giustificati motivi [605 2, 612].

2. La condanna al pagamento della provvisionale [539 2] è immediatamente esecutiva [588 1, 600 3].

ARTICOLO  541

Condanna alle spese relative all'azione civile.

1. Con la sentenza che accoglie la domanda di restituzione o di risarcimento del danno [538, 539 1], il giudice condanna l'imputato e il responsabile civile in solido al pagamento delle spese processuali [751] in favore della parte civile [153 att.], salvo che ritenga di disporne, per giusti motivi, la compensazione totale o parziale [574, 575].

2. Con la sentenza che rigetta la domanda indicata nel comma 1 o che assolve l'imputato per cause diverse dal difetto di imputabilità [85 s. c.p.], il giudice, se ne è fatta richiesta, condanna la parte civile alla rifusione delle spese processuali sostenute dall'imputato e dal responsabile civile per effetto dell'azione civile, sempre che non ricorrano giustificati motivi per la compensazione totale o parziale. Se vi è colpa grave, può inoltre condannarla al risarcimento dei danni causati all'imputato o al responsabile civile [576].

ARTICOLO  542

Condanna del querelante alle spese e ai danni.

1. Nel caso di assoluzione perché il fatto non sussiste o perché l'imputato non lo ha commesso, quando si tratta di reato perseguibile a querela [120 c.p.; 336 s.], si applicano le disposizioni dell'articolo 427 per ciò che concerne la condanna del querelante al pagamento delle spese del procedimento anticipate dallo Stato nonché alla rifusione delle spese e al risarcimento del danno in favore dell'imputato e del responsabile civile [574 2, 575 3] (1).

2. L'avviso del deposito della sentenza è notificato al querelante [576].

(1) V. Corte cost. n. 180 e 423 del 1993 sub art. 427.

ARTICOLO  543

Ordine di pubblicazione della sentenza come riparazione del danno.

1. La pubblicazione della sentenza [536, 642, 694] di condanna a norma dell'articolo 186 del codice penale è ordinata dal giudice su richiesta della parte civile con la stessa sentenza.

2. La pubblicazione ha luogo a spese del condannato e, se del caso, anche del responsabile civile, per una o due volte, per estratto o per intero, in giornali indicati dal giudice.

3. Se l'inserzione non avviene nel termine stabilito dal giudice con la sentenza, la parte civile può provvedervi direttamente con diritto a ripetere le spese dall'obbligato.

ARTICOLO  544

Redazione della sentenza.

1. Conclusa la deliberazione [525-528], il presidente redige e sottoscrive il dispositivo [5461b]. Subito dopo è redatta una concisa esposizione dei motivi di fatto e di diritto su cui la sentenza è fondata [5461e].

2. Qualora non sia possibile procedere alla redazione immediata dei motivi in camera di consiglio [548], vi si provvede [154 att.] non oltre il quindicesimo giorno da quello della pronuncia [617] (1).

3. Quando la stesura della motivazione è particolarmente complessa per il numero delle parti o per il numero e la gravità delle imputazioni, il giudice, se ritiene di non poter depositare la sentenza nel termine previsto dal comma 2, può indicare nel dispositivo un termine più lungo, non eccedente comunque il novantesimo giorno da quello della pronuncia [585].

3-bis. Nelle ipotesi previste dall'articolo 533, comma 3-bis, il giudice provvede alla stesura della motivazione per ciascuno dei procedimenti separati, accordando precedenza alla motivazione della condanna degli imputati in stato di custodia cautelare. In tal caso il termine di cui al comma 3 è raddoppiato per la motivazione della sentenza cui non si è accordata precedenza (2).

(1) Comma modificato dall'art. 6 d.l. 1° marzo 1991, n. 60, conv., con modif., nella l. 22 aprile 1991, n. 133. V. anche sub art. 548.

(2) Comma aggiunto dall'art. 42d.l. 24 novembre 2000, n. 341, conv., con modif., in l. 19 gennaio 2001, n. 4.

 

ARTICOLO  545

Pubblicazione della sentenza.

1. La sentenza è pubblicata in udienza dal presidente o da un giudice del collegio mediante la lettura del dispositivo [546 1b; 154-bis att.].

2. La lettura della motivazione [5461e] redatta a norma dell'articolo 544 comma 1 segue quella del dispositivo e può essere sostituita con un'esposizione riassuntiva.

3. La pubblicazione prevista dal comma 2 equivale a notificazione della sentenza per le parti che sono o devono considerarsi presenti all'udienza [475 2, 420-quinquies].

ARTICOLO  546

Requisiti della sentenza.

1. La sentenza contiene:

a) l'intestazione «in nome del popolo italiano» e l'indicazione dell'autorità che l'ha pronunciata;

b) le generalità dell'imputato o le altre indicazioni personali che valgono a identificarlo nonché le generalità delle altre parti private;

c) l'imputazione [429, 450, 456, 464, 516-518, 521, 552];

d) l'indicazione delle conclusioni delle parti [523];

e) la concisa esposizione dei motivi di fatto e di diritto su cui la decisione è fondata, con l'indicazione delle prove poste a base della decisione stessa e l'enunciazione delle ragioni per le quali il giudice ritiene non attendibili le prove contrarie [125 3, 606 1d-e];

f) il dispositivo, con l'indicazione degli articoli di legge applicati;

g) la data [111] e la sottoscrizione [110] del giudice.

2. La sentenza emessa dal giudice collegiale è sottoscritta dal presidente e dal giudice estensore. Se, per morte o altro impedimento, il presidente non può sottoscrivere, alla sottoscrizione provvede, previa menzione dell'impedimento, il componente più anziano del collegio; se non può sottoscrivere l'estensore, alla sottoscrizione, previa menzione dell'impedimento, provvede il solo presidente [426 2].

3. Oltre che nel caso previsto dall'articolo 125 comma 3, la sentenza è nulla se manca o è incompleto nei suoi elementi essenziali il dispositivo ovvero se manca la sottoscrizione del giudice.

 

ARTICOLO  547

Correzione della sentenza.

1. Fuori dei casi previsti dall'articolo 546, comma 3, se occorre completare la motivazione insufficiente ovvero se manca o è incompleto alcuno degli altri requisiti previsti dall'articolo 546, si procede anche di ufficio alla correzione della sentenza a norma dell'articolo 130.

ARTICOLO  548

Deposito della sentenza.

1. La sentenza è depositata in cancelleria immediatamente dopo la pubblicazione [545] ovvero entro i termini previsti dall'articolo 544, commi 2 e 3. Il pubblico ufficiale addetto vi appone la sottoscrizione [110] e la data [111] del deposito.

2. Quando la sentenza non è depositata entro il trentesimo giorno o entro il diverso termine indicato dal giudice a norma dell'articolo 544, comma 3, l'avviso di deposito è comunicato al pubblico ministero [153] e notificato alle parti private cui spetta il diritto di impugnazione. È notificato altresì a chi risulta difensore dell'imputato al momento del deposito della sentenza [585 2c] (1).

3. L'avviso di deposito con l'estratto della sentenza è in ogni caso notificato all'imputato contumace [420-quater; 232 att.] e comunicato al procuratore generale presso la corte di appello [5852d].

(1) Comma modificato dall'art. 55d.l. 13 maggio 1991, n. 152, per esigenze di coordinamento con la nuova formulazione dell'art. 5442, introdotta dall'art. 6 d.l. 1 marzo 1991, n. 60, conv., con modif., nella l. 22 aprile 1991, n. 133. Tale modifica del testo originario è peraltro venuta meno, essendo stato il comma 5 dell'art. 5 d.l. n. 152 del 1991 soppresso dalla legge di conversione 12 luglio 1991, n. 203.

 

Argomenti correlati

la fase predibattimentale

dall'apertura alla chiusura del dibattimento


la fase decisoria

 

 





Segnala su OK Notizie!Reddit!Del.icio.us! Facebook!
 

CERCA ANCORA IN QUESTO SITO

Ricerca personalizzata