Ricerca


banner_lungo_magitratura_esame_avvocato_2012.jpg
mod_vvisit_counterOggi2920
mod_vvisit_counterDal 12/06/096339110

domiciliazioniprevprof.jpg
magistratura_esame_avvocato_2012_2013.jpg























la denuncia anonima mod 46

Il modello 46 relativo alla denuncia anonima l'ambito di indagine eventualmente consentito e l'esito delle iscrizioni - passaggio a modello 44 per calunnia o a modello 45 per indagini preprocedimentali

 

Ai sensi dell’art. 333 comma 3 c.p.p. la denuncia anonima non è notizia di reato e la stessa deve essere iscritta a mod. 46. Il fascicolo mod. 46 deve contenere solo tale scritto.

La verifica della fondatezza della denuncia anonima finalizzata alla ricerca della notizia di reato può essere svolta dalla PG o dal PM mediante atti non invasivi.

Anche se, in linea generale, può affermarsi che lo svolgimento di indagini tese alla verifica della fondatezza della denuncia anonia è rimesso all'iniziativa della procura e della PG, deve però rilevarsi che in alcuni casi isolati si è ritenuta doverosa la verifica di un esposto anonimo (cass. N.4329/2008).

In relazione ai poteri di indagine del PM, l'orientamento prevalente esclude l’utilizzabilità di strumenti invasivi quali perquisizioni , sequestri ed intercettazioni  (cfr. cass. Sez.6n.36003/2006).

Trascorsi 5 anni dalla data in cui gli scritti anonimi sono pervenuti, gli stessi sono distrutti con provvedimento annualmente adottato dal procuratore (art.5 reg.es. cpp).

Lo scritto anonimo non deve essere distrutto nelle ipotesi in cui costituisca corpo del reato; in tal caso lo stesso sarà allegato ad un procedimento iscritto nel registro delle notizie di reato (si pensi al caso in cui, a seguito di denuncia anonima, venga iscritto un procedimento a carico di ignoti per il reato di cui all’art.368 cp.).

Deve, peraltro, segnalarsi che l'iscrizione a carico di ignoti per il delitto di calunnia a seguito di ignoti consente di adottare immediatamente anche atti invasivi e “costosi” (cfr. cass. N. 4329/2008 che ha ritenuto la legittimità delle intercettazioni telefoniche richieste dal PM in relazione a due ipotesi di reato alternative: calunnia e reati contro la P.A – questi ultimi individuati in base a successiva informativa di p.g.).

Tale orientamento presta il fianco ad alcune considerazioni critiche.

In primo luogo, in punto di merito, sempre che lo scritto anonimo non si presenti palesemente assurdo, contradditorio o inattendibile parrebbe mancare il fumus relativo al delitto di cui all'art. 368 cp per il quale viene dato corso all'iscrizione a carico di ingoti.

In secondo luogo, se l’autore anonimo fosse successivamente individuato, dovrebbe essere iscritto per il detto reato e non potrebbe essere sentito come persona informata anche se la sua denuncia avesse trovato ampia conferma.

Le indagini preprocedimentali saranno svolte nel fascicolo mod. 45 che sarà iscritto già al momento del primo atto di indagine ( ad es. la delega alla p.g. sarà subito inserita nel nuovo fascicolo).

Il fascicolo mod.46 sarà necessariamente archiviato in via amministrativa e successivamente distrutto.





Segnala su OK Notizie!Reddit!Del.icio.us! Facebook!
 

CERCA ANCORA IN QUESTO SITO

Ricerca personalizzata