Ricerca


banner_lungo_magitratura_esame_avvocato_2012.jpg
mod_vvisit_counterOggi865
mod_vvisit_counterDal 12/06/096192410

domiciliazioniprevprof.jpg
magistratura_esame_avvocato_2012_2013.jpg























richiesta autorizzazione a effettuare intercettazioni telefoniche

Modelli di richiesta di autorizzazione ad effettuare intercettazioni telefoniche di richiesta di proproga e decreto che dispone l'intercettazione a seguito dell'autorizzazione del GIP

N.       N  R.G. notizie di reato/Mod. ___
N.                       R.I.T.
 

PROCURA DELLA REPUBBLICA
presso il  Tribunale  di
ROMA

 RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLE INTERCETTAZIONEI DI COMUNICAZIONI TELEFONICHE

 (artt. 266 e segg. c.p.p.)
 
AL GIUDICE PER LE INDAGINI PRELIMINARI 



Il Pubblico Ministero  dott..............


Visti gli atti del proc. pen. n.................nei confronti di..................... per cessione di sostanza stupefacente del tipo “hashish”;


ritenuta la sussistenza di sufficienti indizi in ordine ai reati di cui sopra, emergente dale dichiarazioni di.............., il quale, trovato in possesso di 13 gr. di “hashish” dichiarava di avere acquistato la sostanza del................, di cui forniva anche l’utenza telefonica;

che la notizia era confermata e precisata anche da fonte confidenziale;

che dalle conversazioni di.....................precedentemente intercettato, con .................emerge che quest’ultimo collabora con il primo nella attività di cessione di hashish anche a minori all’interno di struttura scolastica;

che pertanto risulta assolutamente indispensabile, ai fini del proficuo sviluppo delle indagini, e soprattutto della identificazione di coloro che detengono e forniscono “Hashish”, individuandone quantità e modalità e  spacciandolo anche nelle scuole, procedere all’ascolto delle conversazioni telefoniche tenute da.........................  che ha in uso l’utenza intestata a..................numero........................
.Visti gli artt. 266 e segg. c.p.p. ;

CHIEDE
 L'autorizzazione a disporre l’intercettazione telefonica (da attuare presso la PG procedente) per la durata di giorni 15, delle conversazioni con.....................su TIM, con eventuale tracciamento e esibizione di tabulati per l’identificazione dei numeri chiamati e chiamanti,  che avverranno sulla seguente utenza: .................................
Roma,

IL PUBBLICO MINISTERO
..........................................

 

N.       R.G. notizie di reato/Mod. 21
N. RIT
 
PROCURA DELLA REPUBBLICA
presso il  Tribunale  di
ROMA

RICHIESTA DI PROROGA DELLE OPERAZIONI DI INTERCETTAZIONE
(art. 266,267 comma 3 c.p.p.)

AL GIUDICE PER LE INDAGINI PRELIMINARI

                                            
                                                                                                    S
Il Pubblico Ministero, dott..............................

Visti gli atti del proc. pen. n.....................nei confronti di...............................per  cessione di sostanza stupefacente del tipo “hashish”

Ritenuta la sussistenza di sufficienti indizi in ordine ai reati di cui sopra, emergente dale dichiarazioni di........................., il quale, trovato in possesso di 13 gr. di “hashish” dichiarava di avere acquistato la sostanza del...................i cui forniva anche l’utenza telefonica;

che la notizia era confermata e precisata anche da fonte confidenziale.
 
Evidenziato che permangono i presupposti delle intercettazioni  delle conversazioni telefoniche sull’utenza..................... autorizzate peer la durata di gg. 15 con decreto  di codesto G.I.P. iiniziata in data........................ , in quanto è necessario protrarre l'ascolto delle conversazioni al fine di acquisire elementi indispensabili alla prosecuzione delle indagini preliminari ed in particolare individuare le modalità e le persone coinvolte nella cessione nonché il luogo dove lo stupefacente sarebbe custodito.

Visti gli artt. 266 e segg. C.p.p.;
C H I E D E
 
La proroga di giorni 15 delle intercettazioni  di conversazioni telefoniche sotto meglio indicate:...........................................



IL PUBBLICO MINISTERO
dott.ssa Claudia Terracina

 

 

 DECRETO CHE DISPONE L'INTERCETTAZIONE A SEGUITO DELL'AUTORIZZAZIONE DEL GIP

 

N.......................R.G.n.r.

 
PROCURA DELLA REPUBBLICA
presso il Tribunale Ordinario di Roma
Ufficio del Sost. Proc. Dr..................

DECRETO DI INTERCETTAZIONE
DI CONVERSAZIONI O COMUNICAZIONI TELEFONICHE
- artt. 266, 267 e 268 c.p.p. -

Il Pubblico Ministero Dr. ......................., Sost. Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di...........

 

Visti gli atti del procedimento penale indicato in epigrafe nei confronti di: DI RUZZA Vincenzo + altri, indagati i reati di cui agli artt.  81 cpv, 110, 317, 476, 479, 490 c.p.;

Visto il decreto di autorizzazione all’intercettazione datato ....................del Giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale di Roma Dott.......................;

Visti gli artt. 266 e segg. c.p.p.

DISPONE

Che la T.I.M./VODAFONE/WIND/H3G (Tre) S.p.A. o qualsiasi altro gestore, provveda immediatamente/entro 24 ore ad attivare l'intercettazione delle conversazioni o comunicazioni telefoniche e via fax che avverranno sulle utenze numero nr.:


R.i.t.    Utenza              In uso
           .....................    a tale...............

           .....................    ..............................................

per la durata di giorni 15 (quindici) salvo proroga mediante servizio ordinario/sperimentale;
le conversazioni e comunicazioni cosi intercettate devono essere immediatamente trasferite, via cavo alla sala  C.I.T. di questa Procura della Repubblica per le operazioni di ascolto e registrazione  cui procederanno Ufficiali di P.G. del Comando Carabinieri;

DISPONE

Che la T.I.M./VODAFONE/WIND/H3G (Tre) S.p.A. o qualsiasi altro gestore, fornisca contestualmente i dati relativi al traffico attuale entrante/uscente facente capo all’utenza suindicata via cavo o sotto forma di tabulati anche su supporto magnetico comprese  le L.A.C./C.G.I. coinvolte con identificazione del cod. IMEI/IMSI in quanto indispensabili  per la identificazione, altrimenti impossibile degli utenti chiamanti e chiamati al fine al fine della prosecuzione delle indagini in corso.
Delega alle operazioni di ascolto e registrazione ed a quelle di acquisizione dati, Ufficiali di P.G. del Comando Carabinieri ; -  presso la sala C.I.T. di questa Procura della Repubblica
La Segreteria dia comunicazione alla società di telefonia suindicata circa l’Autorità procedente il numero di procedimento il numero RIT il numero di utenza  le modalità e la durata.
Il presente decreto sia registrato ed in copia conforme depositato immediatamente presso l’ufficio addetto alla registrazione dei provvedimenti ex titolo III libro III c.p.p.
Manda alla Segreteria per gli adempimenti di competenza.

Roma, ......................

 

 

Il Procuratore della Republica
 
 
 
 


 

 





Segnala su OK Notizie!Reddit!Del.icio.us! Facebook!
 

CERCA ANCORA IN QUESTO SITO

Ricerca personalizzata