Ricerca


banner_lungo_magitratura_esame_avvocato_2012.jpg
mod_vvisit_counterOggi158
mod_vvisit_counterDal 12/06/096255749

domiciliazioniprevprof.jpg
magistratura_esame_avvocato_2012_2013.jpg























tribunale in composizione collegiale e monocratica

La competenza del tribunale in composizione collegiale e monocratica, gli effetti,inosservanza delle disposizioni sulla composizione e validità degli atti compiuti

Argomenti correlati

la competenza dei giudici penali


il conflitto di competenza


Tribulane collegiale e monocratico competenza e attribuzione


incompatibilità astensione e ricusazione


legittimo sospetto e rimessione del processo


giurisdizione penale e difetto di giurisdizione 

 

ARTICOLO  33

Capacità del giudice 

1. Le condizioni di capacità del giudice e il numero dei giudici necessario per costituire i collegi [178] sono stabiliti dalle leggi di ordinamento giudiziario.

2. Non si considerano attinenti alla capacità del giudice le disposizioni sulla destinazione del giudice agli uffici giudiziari e alle sezioni, sulla formazione dei collegi e sulla assegnazione dei processi a sezioni, collegi e giudici [7-bis e 7-ter ord. giud.].

3. Non si considerano altresì attinenti alla capacità del giudice né al numero dei giudici necessario per costituire l'organo giudicante le disposizioni sull'attribuzione degli affari penali al tribunale collegiale o monocratico [33-bis, 33-ter].

ARTICOLO  33  BIS

Attribuzioni del tribunale in composizione collegiale (1) (2).

1. Sono attribuiti al tribunale in composizione collegiale i seguenti reati, consumati o tentati:

a) delitti indicati nell'articolo 407, comma 2, lettera a), numeri 3, 4 e 5 DELITTI PER FINALITA’ MAFIOSE DELITTI PER FINALITA’ DI TERRORISMO E SPACCIO DI ARMI, sempre che per essi non sia stabilita la competenza della corte di assise;

b) delitti previsti dal capo I del titolo II del libro II del codice penale, REATI MINISTERIALI esclusi quelli indicati dagli articoli 329, 331, primo comma, 332 (3), 334 e 335;

c) delitti previsti dagli articoli 416, 416-bis, 416-ter, 420, terzo comma, 429 DISASTRI, secondo comma, 431, secondo comma, 432, terzo comma, 433, terzo comma, 440, 449, secondo comma, 452, primo comma, numero 2, 513-bis, 564, da 600-bis a 600-sexies PORNOGRAFIA MINORILE puniti con reclusione non inferiore nel massimo a cinque anni, 609-bis, 609-quater VIOLENZA SESSUALE e 644 del codice penale USURA;

d) reati previsti dal Titolo XI del libro V del codice civile, nonché dalle disposizioni che ne estendono l'applicazione a soggetti diversi da quelli in essi indicati (4);

e) delitti previsti dall'articolo 1136 del codice della navigazione;

f) delitti previsti dagli articoli 6 e 11 della l. cost. 16 gennaio 1989, n. 1;

g) delitti previsti dagli articoli 216, 223, 228 e 234 del regio decreto 16 marzo 1942, n. 267, in materia fallimentare, nonché dalle disposizioni che ne estendono l'applicazione a soggetti diversi da quelli in essi indicati;

h) delitti previsti dall'articolo 1 del decreto legislativo 14 febbraio 1948, n. 43, ratificato dalla legge 17 aprile 1956, n. 561, in materia di associazioni di carattere militare;

i) delitti previsti dalla legge 20 giugno 1952, n. 645, attuativa della XII disposizione transitoria e finale della Costituzione;

i- bis) delitti previsti dall'articolo 291-quater del testo unico approvato con decreto del Presidente della Repubblica 23 gennaio 1973, n. 43 (5);

l) delitto previsto dall'articolo 18 della legge 22 maggio 1978, n. 194, in materia di interruzione volontaria della gravidanza;

m) delitto previsto dall'articolo 2 della legge 25 gennaio 1982, n. 17, in materia di associazioni segrete;

n) delitto previsto dall'articolo 29, secondo comma, della legge 13 settembre 1982, n. 646, in materia di misure di prevenzione;

o) delitto previsto dall'articolo 12-quinquies, comma 1, del decreto-legge 8 giugno 1992, n. 306, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 1992, n. 356, in materia di trasferimento fraudolento di valori;

p) delitti previsti dall'articolo 6, commi 3 e 4, del decreto-legge 26 aprile 1993, n. 122, convertito, con modificazioni, dalla legge 25 giugno 1993, n. 205, in materia di discriminazione razziale, etnica e religiosa;

q) delitti previsti dall'articolo 10 della legge 18 novembre 1995, n. 496, in materia di produzione e uso di armi chimiche.

2. Sono attribuiti altresì al tribunale in composizione collegiale, salva la disposizione dell'articolo 33-ter, comma 1, i delitti puniti con la pena della reclusione superiore nel massimo a dieci anni, anche nell'ipotesi del tentativo. Per la determinazione della pena si osservano le disposizioni dell'articolo 4 (6).

(1) V. nota 1 alla rubrica del capo VI. Vedi anche il comma 2-ter dell'art. 247 d.lgs. 19 febbraio 1998, n. 51, introdotto dall'art. 3 d.l. 24 maggio 1999, n. 145, conv., con modif., in l. 22 luglio 1999, n. 234.

(2) Articolo prima modificato dall'art. 13 l. 3 agosto 1998, n. 269 e successivamente così sostituito dall'art. 10 l. 16 dicembre 1999, n. 479. Il testo previgente recitava: «1. Sono attribuiti al tribunale in composizione collegiale i seguenti reati, consumati o tentati: a) delitti indicati nell'articolo 407 comma 2, lettera a), sempre che per essi non sia stabilita la competenza della corte di assise; b) delitti previsti dal capo I del titolo II del libro II del codice penale, esclusi quelli indicati dagli articoli 329, 331, comma 1, 332, 334 e 335; c) delitti previsti dagli articoli 416, 416-ter, 419, 420, comma 3, 426, 428, 429, comma 2, 430, 431, comma 2, 432, comma 3, 433, comma 3 434, comma 2, 440, 449, comma 2, 452 comma 1, numeri 1 e 2, 499, 513-bis, 564, 578, comma 1, da 600-bis a 600-sexies puniti con la reclusione non inferiore nel minimo a cinque anni, 609-bis, 609-quater, 609-octies, 644, 648-bis e 648 ter del codice penale; d) delitti previsti dagli articoli 2621, 2628, 2629 e 2637 del codice civile, nonchè disposizioni che ne estendono l'applicazione a soggetti diversi da quelli in essi indicati; e) delitti previsti dagli articoli 1135, 1136, 1137, 1138 e 1153 del codice della navigazione approvato con regio decreto 30 marzo 1942, n. 327; f) delitti previsti dagli articoli 6 e 11 della legge costituzionale 16 gennaio 1989, n. 1; g) delitti previsti dagli articoli 216, 223 e 228 della legge 16 marzo 1942, n. 267, in materia fallimentare, nonchè dalle disposizioni che ne estendono l'applicazione a soggetti diversi da quelli in essi indicati; h) delitti previsti dall'articolo 1 del decreto legislativo 14 febbraio 1948, n. 43, in materia di associazioni di carattere militare; i) delitti previsti dalla legge 20 giugno 1952, n. 645, attuativa della XII disposizione transitoria e finale della Costituzione; l) delitto previsto dall'articolo 18 della legge 22 maggio 1978, n. 194, in materia di interruzione volontaria della gravidanza; m) delitto previsto dall'articolo 2 della legge 25 gennaio 1982, n. 17, in materia di associazioni segrete; n) delitto previsto dall'articolo 29 comma 2 della legge 13 settembre 1982, n. 646, in materia di misure di prevenzione; o) delitto previsto dall'articolo 12-quinquies comma 1 della legge 7 agosto 1992, n. 356, in materia di trasferimento fraudolento di valori; p) delitti previsti dall'articolo 6 commi 3 e 4 della legge 25 giugno 1993, n. 205, in materia di discriminazione razziale, etnica e religiosa; q) delitti previsti dall'articolo 25 comma 1 della legge 9 luglio 1990, n. 185 e dall'articolo 10 della legge 18 novembre 1995, n. 496. 2. Sono attribuiti altresì al tribunale in composizione collegiale i delitti puniti con la pena della reclusione superiore nel massimo a venti anni. Per la determinazione della pena si ha riguardo al massimo della pena stabilita dalla legge per il reato, consumato o tentato, tenuto conto dell'aumento massimo di pena stabilito per le circostanze aggravanti».

(3) L'art. 332 c.p. è stato abrogato dall'art. 181l. 25 giugno 1999, n. 205.

(4) Lettera così sostituita dall'art. 6 d.lgs. 11 aprile 2002, n. 61.

(5) Lettera inserita dall'art. 51l. 19 marzo 2001, n. 92.

(6) Comma modificato dall'art. 2-bis d.l. 7 aprile 2000, n. 82, conv., con modif., nella l. 5 giugno 2000, n. 144.

ARTICOLO  33  TER

Attribuzioni del tribunale in composizione monocratica (1).

1. Sono attribuiti al tribunale in composizione monocratica i delitti previsti dall'articolo 73 del testo unico approvato con decreto del Presidente della Repubblica 9 ottobre 1990, n. 309, STUPEFACENTI sempre che non siano contestate le aggravanti di cui all'articolo 80 del medesimo testo unico (2).

2. Il tribunale giudica in composizione monocratica, altresì, in tutti i casi non previsti dall'articolo 33-bis o da altre disposizioni di legge.

(1) V. nota alla rubrica del capo VI. Il presente articolo è stato così sostituito dall'art. 10 l. 16 dicembre 1999, n. 479. Il testo originario recitava: «1. Fuori dei casi previsti dall'articolo 33-bis o da altre disposizioni di legge, il tribunale giudica in composizione monocratica».

(2) Comma così modificato dall'art. 2-ter d.l. 7 aprile 2000, n. 82, conv., con modif., nella l. 5 giugno 2000, n. 144. Il testo precedente recitava: «1. Sono attribuiti al tribunale in composizione monocratica i delitti previsti dall'articolo 73 del testo unico approvato con decreto del Presidente della Repubblica 9 ottobre 1990, n. 309, sempre che non siano contestate le aggravanti di cui all'articolo 80, commi 1, 3 e 4, del medesimo testo unico».

ARTICOLO  33  QUATER

(1) Effetti della connessione sulla composizione del giudice.

1. Se alcuni dei procedimenti connessi [12] appartengono alla cognizione del tribunale in composizione collegiale [33-bis] ed altri a quella del tribunale in composizione monocratica [33-ter], si applicano le disposizioni relative al procedimento davanti al giudice collegiale, al quale sono attribuiti tutti i procedimenti connessi.

(1) V. nota alla rubrica del capo VI.

ARTICOLO  33  QUINQUIES

Inosservanza delle disposizioni sulla composizione collegiale o monocratica del tribunale.

1. L'inosservanza delle disposizioni relative all'attribuzione dei reati alla cognizione del tribunale in composizione collegiale [33-bis] o monocratica [33-ter] e delle disposizioni processuali collegate [33-quater] è rilevata o eccepita, a pena di decadenza, prima della conclusione dell'udienza preliminare [421] o, se questa manca, entro il termine previsto dall'articolo 491 comma 1 ATTI PRELIMINARI AL DIBATTIMENTO. Entro quest'ultimo termine deve essere riproposta l'eccezione respinta nell'udienza preliminare.

ARTICOLO  33  SEXIES

(1) Inosservanza dichiarata nell'udienza preliminare.

1. Se nell'udienza preliminare il giudice ritiene che per il reato deve procedersi con citazione diretta a giudizio pronuncia, nei casi previsti dall'articolo 550, ordinanza di trasmissione degli atti al pubblico ministero per l'emissione del decreto di citazione a giudizio a norma dell'articolo 552.

2. Si applicano le disposizioni previste dagli articoli 424, commi 2 e 3, 553 e 554.

(1) V. nota alla rubrica del capo VI-bis. Il testo precedente recitava: «1. Se nell'udienza preliminare il giudice ritiene che il reato appartiene alla cognizione del tribunale in composizione monocratica, pronuncia ordinanza e contestuale decreto di citazione a giudizio a norma dell'articolo 555, disponendo la trasmissione degli atti al pubblico ministero. 2. Si applicano le disposizioni previste dagli articoli 424 commi 2 e 3, 557, 558 e 559».

 

ARTICOLO  33  SEPTIES

(1) Inosservanza dichiarata nel dibattimento di primo grado.

1. Nel dibattimento di primo grado instaurato a seguito dell'udienza preliminare, il giudice, se ritiene che il reato appartiene alla cognizione del tribunale in composizione diversa, trasmette gli atti, con ordinanza, al giudice competente a decidere sul reato contestato [33-quinquies].

2. Fuori dai casi previsti dal comma 1 IN MANCANZA DELL’UDIENZA PRELIMINARE, se il giudice monocratico ritiene che il reato appartiene alla cognizione del collegio [33-bis], dispone con ordinanza la trasmissione degli atti al pubblico ministero.

3. Si applica la disposizione dell'articolo 420-ter, comma 4.

(1) V. nota alla rubrica del capo VI-bis.

 

ARTICOLO  33  OCTIES

(1) Inosservanza dichiarata dal giudice di appello o dalla corte di cassazione.

1. Il giudice di appello o la corte di cassazione pronuncia sentenza di annullamento [604, 620] e ordina la trasmissione degli atti al pubblico ministero presso il giudice di primo grado quando ritiene l'inosservanza delle disposizioni sull'attribuzione dei reati alla cognizione del tribunale in composizione collegiale [33-bis] o monocratica [33-ter], purché la stessa sia stata tempestivamente eccepita e l'eccezione sia stata riproposta nei motivi di impugnazione.

2. Il giudice di appello pronuncia tuttavia nel merito se ritiene che il reato appartiene alla cognizione del tribunale in composizione monocratica.

(1) V. nota alla rubrica del capo VI-bis.

 

ARTICOLO  33  NONIES

(1) Validità delle prove acquisite.

1. L'inosservanza delle disposizioni sulla composizione collegiale o monocratica del tribunale non determina l'invalidità degli atti del procedimento, né l'inutilizzabilità delle prove già acquisite [26].

(1) V. nota alla rubrica del capo VI-bis.





Segnala su OK Notizie!Reddit!Del.icio.us! Facebook!
 

CERCA ANCORA IN QUESTO SITO

Ricerca personalizzata